CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

interrogativo lente 12 gennaio 2017. Anche a San Marino i nomi dei grandi debitori delle banche devono essere resi pubblici. Il Presidente dell'Associazione Bancaria Sammarinese Matteo Mularoni è d'accordo con il Presidente dell'Abi Antonio Patuelli che ha incontrato a Roma. Circa due ore di colloqui nella sede Abi di Palazzo Altieri e un comunicato congiunto a testimonianza della sintonia e della collaborazione tra l'associazione bancaria sammarinese e l'associazione bancaria italiana.

 

Ecco il testo del comunicato delle associazioni bancarie Abs e Abi

Il Presidente dell’Associazione Bancaria Sammarinese, Matteo Mularoni, ha incontrato presso la sede di Palazzo Altieri a Roma il Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana, Antonio Patuelli. L’incontro rientra tra quelli programmati dalla nuova Presidenza di ABS nell’intento di interloquire con le più importanti istituzioni e organizzazioni politiche, sociali e culturali per assumere attivamente un ruolo decisivo e propulsivo nello sviluppo economico e sociale della Repubblica di San Marino, dopo il superamento di complesse relazioni finanziarie con l’Italia, e per individuare un patto per lo sviluppo della Repubblica di San Marino.

Il percorso intrapreso per il superamento delle problematiche è stato particolarmente apprezzato dal Presidente Patuelli che ha ricordato come “tali problematiche derivavano innanzitutto dalle particolarissime e complesse peculiarità giuridiche della piena unione doganale e valutaria fra San Marino e l’Italia, evidenziando contemporaneamente la non totale uniformità giuridica fra uno Stato pienamente inserito nei vincoli dell’Unione Europea, come l’Italia, e la Repubblica di San Marino che non ne fa parte con pienezza, ma ha con essa una serie di Accordi”.

Il Presidente Patuelli ha altresì apprezzato le “scelte decise ed anche coraggiose operate in questi ultimissimi anni dalla Repubblica di San Marino, per superare le problematiche preesistenti, in particolare, nel diritto dell'economia, per la trasparenza dei e nei mercati, nella lotta al riciclaggio e all'evasione fiscale”. Al centro dell’incontro, che ha consolidato la collaborazione e la vicinanza tra le due Associazioni bancarie, lo sviluppo del sistema bancario sammarinese e del mondo bancario italiano ed europeo. E’ stato condiviso l’obiettivo di una più intensa collaborazione innanzitutto bancaria e finanziaria fra San Marino e l’Italia, nell’Unione Europea e in un mondo sempre più globalizzato.

Il Presidente di ABS, Matteo Mularoni, ha evidenziato i punti cardine del proprio programma che prevedono strumenti e iniziative rigorose per la soluzione della tematica dei NPL (Non Performing Loan) quali il sostegno al processo di revisione della qualità degli attivi (c.d. AQR), l’istituzione della Centrale Rischi e l’avvio di stringenti ed efficaci azioni di recupero dei crediti.

“Ho riscontrato con soddisfazione una profonda comunanza di visioni tra le nostre associazioni bancarie - ha dichiarato Matteo Mularoni - a San Marino abbiamo avviato un percorso virtuoso basato su rinnovamento e sviluppo, mettendo al centro la trasparenza alla quale non ci sottraiamo. Quanto recentemente proposto dal Presidente Patuelli, relativamente alla individuazione e pubblicazione dei nominativi dei debitori, che ostacolano la ripresa, è pienamente condiviso anche da ABS. Nel programma di questa Presidenza – ha concluso Mularoni – il tema dei grandi debitori è indicato sin dal principio quale priorità. Vogliamo evitare una situazione di diseguaglianza tra gli operatori che favorisca chi i debiti non li paga, compromettendo le imprese virtuose con conseguente perdita della forza lavoro”.

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

logoSmacpng

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin