CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

8 marzo 2017. E’ emblematico l’otto marzo delle lavoratrici dell’One Gallery da sei giorni in sciopero per un diritto fondamentale: essere pagate a fine mese. La CSU ha così deciso di consegnare alle dipendenti dell’outlet di Dogana un mazzo di mimose:“Un piccolo gesto di solidarietà e di sostegno nei confronti di chi sta lottando per difendere un grande valore: la certezza del futuro”.


Su 67 dipendenti dell’One Gallery, le donne sono 58. “Numeri che simbolicamente ricalcano le difficoltà occupazionali di San Marino - spiega la Centrale Sindacale Unitaria - dove la maggioranza delle persone iscritte alle liste di collocamento al lavoro sono ancora donne. Per la precisione, su un totale di 1.399 disoccupati i maschi sono 421 e le femmine 978, con un tasso di disoccupazione del 12% per le donne e del 5% per gli uomini. Un’evidente, quanto inaccettabile, disparità di genere ”.

E l’otto marzo è anche la vigilia della scadenza di pagamento della seconda mensilità non pagata, quella di febbraio. “Da parte dell’azienda, a partire dal primo azionista Jarno Trulli, il silenzio è totale”, fanno sapere i segretari della Federazione Servizi, che sono a stretto contatto con i dipendenti dell’outlet. “Dopo la proclamazione dello sciopero ad oltranza e due sit-in davanti a Palazzo Pubblico nessun amministratore si è fatto vivo. Nessun segnale sulla disponibilità a saldare i salari arretrati e nessun piano sul futuro del centro commerciale”.


Qualcosa invece si muove sul fronte politico, con la prossima uscita di un decreto da parte del Segretario di Stato al Lavoro. “Decreto - sottolinea la FULCAS-CSU - che dovrà in tempi rapidi accelerare la possibilità dei dipendenti dell’One Gallery di accedere agli ammortizzatori sociali attraverso le dimissioni per giusta causa”.

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

logoSmacpng

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin