CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

migrantiCollisione tra un barcone di migranti e una nave militare tunisina al largo delle coste di Kerkennah. Sono almeno otto i migranti che hanno perso la vita, ha reso noto il portavoce del ministero della Difesa tunisino, Belhassen Oueslati.

Ma, su Twitter, Flavio Di Giacomo - portavoce dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) - parla di "forse quasi 30 vittime". Salvati oltre 40 migranti. Al momento sono stati "recuperati 8 cadaveri, si temono 20 dispersi" scrive Di Giacomo, secondo cui sull'imbarcazione che si è scontrata con una nave tunisina c'erano "70/80 persone".

LA RICOSTRUZIONE - In base alla ricostruzione fornita da Tunisi, una nave della marina ''si è avvicinata ieri sera a un barcone non identificato a 54 chilometri da Kerkennah. L'imbarcazione ha urtato la nave militare e questo ha causato il naufragio''. Oueslati ha spiegato che sono stati recuperati otto corpi senza vita e almeno 38 sono i migranti tratti in salvo. Ancora in corso le ricerche per individuare le persone scomparse.

adnkronos

facebook_page_plugin