CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

lavoro inpsLavoro e giovani, previdenza e fisco: sono questi i quattro punti che Cgil, Cisl e Uil indicano tra le priorità da affrontare nel nuovo anno, anche in vista del prossimo voto. Ed è proprio il fisco, già protagonista di una piattaforma unitaria e della richiesta di abbassare le tasse sui lavoratori e sui pensionati, la prima delle questioni che i sindacati puntano a rilanciare.

Mentre resta alto il pressing sul versante dell'occupazione, in primis giovani e donne, perché aumenti e sia stabile: "il vero tema del Paese", dice la Cgil. Il 2018 sia "l'anno della riforma fiscale", con l'obiettivo di "alzare i salari e le pensioni e spingere i consumi", dice la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, rimarcando allo stesso tempo che "il lavoro stabile dei giovani resta la principale emergenza del Paese", che va affrontata prevedendo "più risorse e più investimenti" e rendendo "più favorevole il contratto a tempo indeterminato rispetto a quello a tempo determinato".

Questo "dovrà essere l'anno di una grande vertenza fiscale da condurre insieme a Cgil e Cisl: rivendicheremo un forte impegno per un fisco più leggero e per salari e pensioni più pesanti", sostiene anche il numero uno della Uil, Carmelo Barbagallo. Dunque "fisco, lavoro, giovani e previdenza sono i principali capitoli su cui si concentrerà l'azione sindacale della Uil nel 2018: su questi punti, chiederemo un confronto anche ai partiti che si accingono alla competizione elettorale", aggiunge Barbagallo. Anche per la Cgil "è indispensabile intervenire sul fisco, renderlo più 'leggero' per lavoratori e pensionati" e per questo, rimarca il sindacato guidato da Susanna Camusso, "serve spostare l'imposizione dal reddito alla rendita e al patrimonio". Cruciale rimane la questione dei giovani e della lotta alla disoccupazione.

"Il nostro augurio per il 2018 è che venga affrontato seriamente il vero tema del Paese ossia il lavoro, parliamo di lavoro stabile, con diritti e tutele". E quindi "creare occupazione in particolare femminile e giovanile e ridurre le disuguaglianze sociali, economiche e territoriali, superando il divario Nord e Sud", rimarca la Cgil. Secondo cui queste "emergenze" possono essere "aggredite solo attraverso un diverso paradigma di sviluppo basato su investimenti in sostenibilità ambientale e sociale e sul rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Basta quindi con bonus e misure spot".

Pronto a chiedere provvedimenti "strutturali" a favore dei giovani si dice il leader della Uil, affinché "trovino lavoro stabile e, soprattutto, non siano più costretti a lasciare il nostro Paese per vedere riconosciute le loro capacità". Resta aperto il capitolo previdenza e l'avvio della cosiddetta 'fase tre'. Furlan, apprezzando il confronto portato avanti con il governo e i risultati già ottenuti (non condivisi invece dalla Cgil), rimarca la necessità di "costruire le condizioni per una pensione di garanzia per i giovani" e chiede, inoltre, di "sostenere la famiglia con un nuovo assegno familiare universale".

ansa

facebook_page_plugin