CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

motogpQuello di Imola non è stato solo il weekend trionfale di Chaz Davies e la Ducati. Hanno vinto anche i tifosi che hanno invaso l'Enzo e Dino Ferrari e l'organizzazione dell'autodromo, che hanno preparato magistralmente il quinto round del campionato Superbike. Nei tre giorni sono giunti in riva al Santerno ben 75.115 presenze. Un risultato straordinario, che premia il grande lavoro di Formula Imola e che conferma la gara di Imola come una delle più importanti dell’intero calendario del mondiale.

"Un grandissimo successo di pubblico - commenta Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola -. 75mila presenze sono un incremento davvero significativo rispetto ai dati dello scorso anno che comunque erano già stati lusinghieri. Siamo orgogliosi di aver ricevuto i complimenti dagli addetti ai lavori per la nuova Sala Polivalente – Media Center, fiore all’occhiello della struttura, importante riconoscimento degli investimenti di Con.Ami per rendere l’Autodromo di Imola all’avanguardia. Un grande ringraziamento va alle Forze dell’Ordine, che ci hanno supportato in tutte le fasi della impegnativa manifestazione".

"Sono estremamente soddisfatto di come è andata questa edizione del Mondiale Superbike - evidenzia Pier Giovanni Ricci, direttore generale dell'autodromo -. Abbiamo lavorato a fondo, cercando di curare ogni dettaglio e il risultato finale ci ha dato ragione. Voglio ringraziare innanzitutto gli spettatori che hanno riempito di calore e passione le tribune e il paddock: oltre 75mila presenze nei tre giorni sono numeri che certificano il successo dell’evento e che ci riempiono di orgoglio. Permettetemi di rivolgere un plauso a tutto lo staff di Formula Imola, che ha lavorato con grande passione e professionalità, e naturalmente a tutti coloro che hanno contributo a far sì che la macchina organizzativa funzionasse alla grande. Stiamo lavorando in sintonia con Dorna per continuare negli anni futuri questa partnership che sta portando importanti benefici al territorio e che ribadisce il ruolo centrale dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari nel panorama mondiale delle competizioni motoristiche".