Riforma tributaria: dov’è l’equità?

equit_b.jpgSAN MARINO 11 GIUGNO 2012 – Serata pubblica con al centro l’interrogativo: “Riforma tributaria, dov’è l’equità?”. E’ in calendario martedì 12 giugno al Teatro Concordia di Borgo. A confronto  i segretari Marco Tura (CDLS) e Giulinao Tamagnini  (CSdL) con tutte le forze politiche.

 

L’appuntamento di martedì sera rientra nella campagna di mobilitazione promossa dalla Centrale Sindacale Unitaria dopo il voto in commissione finanze sulla riforma tributaria.

In sostanza,  è stato parificato il  trattamento impositivo tra redditi da lavoro dipendente e redditi da lavoro autonomo, con il paradossale  risultato che i lavoratori dipendenti pagheranno di più e quelli autonomi di meno.


“Un passo indietro inaccettabile - ha denunciato  il Consiglio Confederale - soprattutto perché i nuovi meccanismi di accertamento dei redditi rimangono deboli, mentre vecchi privilegi come la detrazione legata ai beni strumentali, seppur limitata, permette ancora a fasce di contribuenti  di nascondere i redditi reali”.

 

In commissione finanze la politica non ha dunque “retto l’urto della lobby dei lavoratori autonomi, negando così la diversità sostanziale tra redditi da lavoro autonomo e redditi da lavoro dipendente”.

“Di fronte a questo macroscopico errore – ha rimarcato il Confederale CDLS - che pregiudica l’equità del provvedimento, il Consiglio Grande e Generale ha il dovere di trovare una soluzione. In caso contrario, la  Confederazione Democratica si opporrà con fermezza per affermare e ristabilire quell’equità e quella giustizia sociale invocata e gridata con forza nelle piazze della Repubblica e nel Congresso Confederale di fine marzo”.



Aggiungi questa pagina al tuo profilo Facebook o al tuo bookmark Google
Facebook! Google!

 

 

 

 

Le mafie in Riviera

Cerca nel sito

Cerca nella rete