CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

debito pubblicoLa guerra crea "rischi estremi" per l'economia ma la Bce mantiene la rotta verso una politica monetaria meno espansiva di fronte al rischio di un'iper-inflazione, e preannuncia una stretta anche per gli aiuti pandemici alle banche. Anche se tutte le opzioni restano aperte: incluse misure 'ad hoc' per contenere gli spread.

Per capire perché Fed e Bce paiono più attente al rischio inflazione che a quello di una recessione, bisogna andare indietro allo shock petrolifero degli anni '70. La cui eredità fu una iper-inflazione dovuta anche alla politica monetaria espansiva delle banche centrali. Di fronte allo shock energetico di adesso, Fed e Bce non vogliono fare lo stesso errore. Pur con uno scenario economico precipitato nel giro di un mese, stanno ritirando le misure d'emergenza pandemica. La Fed ha già alzato i tassi. La Bce, più cauta, per prima cosa ridurrà gradualmente gli acquisti 'nuovi' di bond, nell'ottica di azzerarli fra luglio e settembre, a patto che le prospettive d'inflazione - che paiono sempre più ancorate all'obiettivo di medio termine del 2% - non si indeboliscano. Il successivo rialzo dei tassi non sarà immediato, "ma avverrà in un momento successivo". Il quadro che ha davanti la Bce, oggi confermato dal Bollettino economico, è di una crescita che, nello scenario base, si ferma al 3,7% nel 2022 (4,2% era la stima pre-guerra) e al 2,8% in 2023.

Ma c'è anche uno scenario "grave" con una crescita che dal 5,4% del 2021 crolla al 2,3% quest'anno e il prossimo. S&P, che ha tolto 0,7 punti percentuali alla crescita mondiale (3,7% nel 2022) ha già tagliato al 3,2% la sua previsione per l'area euro, dal 4,4% di poche settimane fa. Gli indici Pmi dell'Eurozona oggi segnalano una tenuta (54,5 a febbraio) ma anche un forte peggioramento delle aspettative future. Tutto, infatti, rischia di peggiorare con il prolungarsi della guerra e l'escalation delle sanzioni: è la stessa Bce ad avvertire che "i rischi estremi al ribasso derivanti da un ulteriore inasprimento delle tensioni potrebbero essere significativi e compromettere la ripresa mondiale". Ma il timore principale è che lasciar correre l'inflazione peggiorerebbe le prospettive economiche, proprio come accadde dopo lo shock petrolifero. Lo scenario principale della Bce stima l'inflazione al 4,1% quest'anno, quello "grave" al 7,1%. S&P scrive 5,1%. Nessuno sa esattamente come andrà a finire, ora che anche uno 'stop' all'import di gas dalla Russia è sul tavolo e che Mosca risponde chiedendo di essere pagata in rubli.

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

Frontalieri2

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin