CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

lavoratoriIl Decreto Aiuti approvato il 2 maggio 2022 dal Consiglio dei Ministri mette in campo una serie di misure in differenti ambiti. In primis, in tema di energia, sono rilevanti le misure per ridurne il costo, con una semplificazione ulteriore per i procedimenti di istallazione di nuovi impianti e interventi a potenziamento della produzione energetica nazionale. Previsti anche aiuti per imprese con sostegni per assicurare produttività e investimenti. Il Governo ha anche previsto misure per lavoratori e pensionati, per le politiche sociali e per i servizi ai cittadini. Decisi, poi, anche aiuti agli Enti territoriali, con misure per sostenere Regioni, Province e Comuni e potenziare gli investimenti. Infine, a completamento del maxipacchetto di interventi arrivano investimenti per l’accoglienza e il supporto economico per i rifugiati provenienti dall’Ucraina. Ecco alcuni punti.

BONUS 200 EURO PER LAVORATORI E PENSIONATI
Arriva il bonus da 200 euro per pensionati e lavoratori. Un contributo “una tantum” erogato ai cittadini per contrastare l’aumento dei prezzi e il caro energia. Si rivolge a pensionati e lavoratori, sia dipendenti che autonomi, che hanno un reddito annuo non al di sopra dei 35.000 euro. Per la misura sono stati stanziati 6 miliardi di euro.

BONUS BOLLETTE FINO AL 31 AGOSTO
Confermato il bonus sociale energia elettrica e gas fino al 31 agosto 2022. La misura, già adottata per il secondo trimestre 2022, è estesa al terzo trimestre 2022. Sarà attuata dall’ARERA – Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente. Come già deciso dal Decreto Energia, il valore ISEE di accesso alle agevolazioni sociali elettricità e gas è pari a 12.000 euro. Dunque, la soglia è stata alzata rispetto al limite di poco superiore agli 8.000 euro previsto fino a marzo 2022. Per maggiori informazioni su come funziona, si consiglia di leggere questo approfondimento.

PROROGA SUPERBONUS VILLETTE E UNIFAMILIARI
Novità nel Decreto Aiuti 2022 anche sul Superbonus 110% per le villette e unifamiliari. In base a quanto si legge nella bozza, potranno rientrare nell’incentivo le ristrutturazioni nel caso in cui al 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo, nel cui computo possono essere compresi anche i lavori non agevolati. Differita quindi la scadenza del 30 giugno. Per maggiori informazioni su come funziona il Superbonus 110%, si consiglia di leggere la nostra guida.

PIÙ RISORSE AL FONDO SOSTEGNO AFFITTI
In arrivo un finanziamento di 100 milioni al Fondo per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione. Parliamo cioè del cosiddetto “Fondo affitti”. Tale fondo potrebbe servire per un nuovo bonus sulle locazioni. Saranno quindi previste agevolazioni per chi decide di affittare una casa o chi non riesce a pagare il canone.

BUONO TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
L’articolo 33 del Decreto Aiuti stabilisce anche un buono per il trasporto pubblico locale che sarà erogato a famiglie con reddito medio basso. L’obiettivo è favorire la pratica dell’uso dei mezzi pubblici anche con lo scopo di salvaguardare l’ambiente.

BENI IMMATERIALI 4.0, TAX CREDIT AL 50%
L’aliquota del credito d’imposta per i beni immateriali 4.0 previsto dalla previsto dalla Legge di Bilancio 2021, è stata aumentata dal 20 al 50%. Vale fino 31 dicembre 2022. La scadenza è differita al 30 giugno 2023 se è stato effettuato un pagamento in acconto pari almeno al 20% del valore dei beni.

BONUS GASOLIO A IMPRESE TRASPORTO
Al fine di mitigare gli effetti economici derivanti dall’aumento eccezionale del prezzo del gasolio utilizzato come carburante, alle imprese esercenti attività di trasporto il Governo ha riconosciuto un credito di imposta del 28% della spesa sostenuta nel primo trimestre di quest’anno per l’acquisto del gasolio. Il credito d’imposta verrà riconosciuto alle imprese aventi sede legale o stabile organizzazione in Italia, e varrà per il gasolio impiegato in veicoli di categoria euro 5 o superiore, al netto dell’imposta sul valore aggiunto.

AUMENTA IL BONUS FORMAZIONE 4.0
Il Decreto Aiuti 2022 aumenta le aliquote del credito d’imposta previsto dalla Legge di Bilancio 2020 per le spese di formazione del personale dipendente finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze tecnologiche. L’esecutivo le ha aumentate dal 50 al 70%, per le piccole imprese, e dal 40 al 50%, per le medie imprese.

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

Frontalieri2

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin