CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

colombini manifestazione23 luglio 2018. Incontro con il Direttore dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro: San Marino deve ripartire dal dialogo sociale. Una delegazione di CSdL e CDLS guidata dai rispettivi segretari generali questa mattina ha incontrato presso la CSU il Direttore dell'ILO Italia-San Marino Gianni Rosas, in questi giorni nella Repubblica di San Marino per una serie di incontri istituzionali legati in particolare all'applicazione della legge sulla rappresentatività.

Si è trattato di un incontro molto cordiale e amichevole; Gianni Rosas da anni ha un rapporto di grande amicizia e collaborazione con le Confederazioni sindacali, con le quali è continuamente in stretto contatto.

Nell'incontro sono state affrontate alcune delle principali problematiche che il sindacato sta incontrando in questa difficile fase della vita del paese, ad iniziare dalle difficoltà di relazioni con il Congresso di Stato, culminate nello sciopero generale dello scorso 30 maggio, che ha riempito Piazza della Libertà. Un confronto che, come ha rimarcato la CSU, è spesso una semplice comunicazione, da parte di un Esecutivo che adotta i suoi provvedimenti senza mai considerare le proposte sindacali.

La sua stessa presenza a San Marino, ha affermato Rosas, vuole essere invece uno stimolo alla costruzione di un metodo di confronto tra le istituzioni e le parti sociali. In tal senso lo stesso Direttore dell'ILO ha promosso presso il Governo sammarinese una proposta per l'affermazione di sistemi per il dialogo sociale; una proposta che si auspica l'Esecutivo voglia fare propria, per mettere fine ad un clima di conflitto e scontro che non può che nuocere gravemente al paese.

Gianni Rosas ha espresso la piena solidarietà sua e dell'ILO ai dirigenti di CSdL e CDLS per l'incresciosa lettera anonima che ha tentato di diffamare le Confederazioni, e sui cui sono in atto iniziative legali atte a tutelare il sindacato e a dimostrare l'assoluta insistenza delle accuse formulate.

L'incontro ha anche affrontato i temi dello sviluppo e delle politiche a sostegno dell'economia: la CSU ha evidenziato l'assenza, nel Piano di stabilità nazionale del Governo, di proposte volte a potenziare e modernizzare il comparto industriale e produttivo, ovvero il settore intorno al quale ruota l'intera economia sammarinese.

Ampio spazio è stato quindi dedicato all'azione del sindacato per la tutela dei fondi pensione, ovvero le risorse previdenziali dei lavoratori e dei pensionati, e alle problematiche del sistema bancario. La CSU ha messo in luce la necessità di conoscere la reale situazione delle banche sammarinesi e il progetto che il Governo intende adottare per il sistema creditizio, anche in relazione alle prospettive occupazionali dei dipendenti. Anche sul tema delle banche, ha affermato Giani Rosas, sarà possibile attivare una collaborazione tra esperti dell'ILO e del Sindacato Europeo con le Confederazioni sammarinesi per individuare le soluzioni più opportune.

L'incontro è servito, tra le altre cose, anche per fare il punto sulle convenzioni dell'ILO che lo Stato di San Marino non ha ancora ratificato, come la convenzione sul lavoro domestico.

CSU

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

logoSmacpng

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin