CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

scuolaSan Marino 20 agosto 2020. Riapertura delle scuole, le Federazioni Pubblico impiego della CSU chiedono protocolli precisi per le misure anti-Covid. Nei giorni scorsi presso la Segreteria di Stato per l’Istruzione e la Cultura, si è tenuto il primo incontro con le organizzazioni sindacali dove sono state illustrate le linee guida per la riapertura in sicurezza di tutte le scuole della Repubblica di San Marino che verranno adottate con Delibera del Congresso di Stato.

Il nuovo anno scolastico, che si presenta nel periodo post-pandemia, mira al rispetto del distanziamento, garantito in primis da regole igieniche e di comportamento, nonché da un attento lavoro di logistica e in alcuni edifici di lavori edilizi effettuati durante periodo estivo.

“La scuola rinasce con la volontà - sottolineano Antonio Bacciocchi segretario FUPI-CSdL e Milena Frulli segretaria FPI-CDLS - di ritornare alla didattica in presenza essenziale e non sostituibile, mirando al più totale rispetto di una convivenza fatta di regole precise al fine di salvaguardare la salute di tutti. Per questo abbiamo richiesto di predisporre dei protocolli precisi a cui attenersi e cui fare riferimento nello svolgimento di tutte le attività, sia didattiche che di sanificazione degli ambienti e dei materiali”.

Quindi a fronte delle linee guida presentate dalla Segreteria Istruzione, le Federazioni Pubblico Impiego della CSU hanno chiesto con forza che “nel caso si verificassero situazioni di eventuali criticità all’interno di ogni singola scuola, sia disponibile sin da subito un’efficace risposta organizzativa e informativa agli operatori a lle famiglie”.

Si è inoltre sottolineata la necessità di garantire, nella malaugurata eventualità di un ritorno anche parziale a una didattica a distanza, “pari opportunità di trattamento, garantendo a tutti gli studenti le stesse possibilità di accesso alle nuove tecnologie e prevedendo nell’immediato di destinare risorse economiche a questo scopo”.

Le Federazioni CSU hanno rimarcato la necessità di prestare la massima attenzione al Fabbisogno del Personale sia docente (insegnanti–educatori) e non docente (bidelli, bidelli cuochi, addetti asilo nido) che andrà previsto in virtù dei maggiori adempimenti a tutela della sicurezza di tutti.

“Fondamentale per il buon esito della ripartenza – concludono i segretari FUPI-CSdL e FPI-CDLS - sarà il coinvolgimento delle parti sociali, operatori della scuola, dirigenti scolastici, personale del dipartimento Istruzione e tutte le famiglie, coinvolgimento che dovrà essere puntuale e costatnte. L’augurio è che il nuovo anno scolastico possa ripartire permettendo a alunni, docenti e non docenti di tornare a condividere esperienze e clima tipici della vita in classe”.

 

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

Frontalieri2

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin