CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

bolletteSan Marino, 14 dicembre 2021.  Bollette di acqua, luce e gas alle stelle: si parla di una richiesta di aumenti avanzata dall’AASS all’Authority per i servizi pubblici ed energia pari al 40% per il gas, 40% per l’acqua e addirittura 45% per l’energia elettrica. La CDLS ha definito alcuni punti fermi che devono orientare le future decisioni rispetto al tema del caro-bollette per attenuare l’impatto sui bilanci familiari.

Lo scorso 9 dicembre la CDLS ha incontrato, assieme alle altre parti sociali, Marco Affronte, Presidente dell’Authority per i servizi pubblici e l’energia: è stato un confronto molto apprezzato che ha permesso di portare a conoscenza dell’autorità regolatoria delle tariffe le posizioni del sindacato e delle associazioni dei consumatori; con l’occasione si è rivolto l’invito a ripetere con maggior frequenza incontri di questo tipo.

"I mega rincari paventati per le bollette delle utenze domestiche – sottolinea il Segretario Generale Gianluca Montanari - è uno dei temi caldi al centro dell’attenzione delle parti sociali e delle famiglie sammarinesi. Le percentuali in gioco, inevitabilmente, metteranno in difficoltà i bilanci di moltissimi nuclei familiari ed, in particolare, di quelli più numerosi, giovani coppie, monoreddito e dei pensionati con pensioni medio-basse. Il tema dei rincari, “impone un approfondito confronto con il Governo e non può limitarsi a una presa d’atto da parte di organismi tecnici. Anche nella vicina Italia si sta rilevando una grande sensibilità riguardo al tema degli aumenti delle utenze e si stanno ponendo in campo interventi economici rilevantissimi per calmierare l’impatto sulle famiglie. Per questo non è quindi accettabile sentir parlare da parte di esponenti del Governo di modelli assistenziali da abbandonare quando si tratta di intervenire a tutela delle famiglie, delle giovani coppie e dei pensionati a reddito medio-basso”.

"Per noi – continua il Segretario della Confederazione Democratica – il tema delle super-bollette non può essere svincolato da altri temi di rilevante importanza per il sindacato come: rinnovo dei contratti di lavoro, confronto coordinato sulle altre riforme in cantiere: pensioni, IGR, IVA sammarinese, sviluppo, occupazione e mercato del lavoro, che potrebbero comportare ulteriori sacrifici a famiglie, lavoratori, giovani e pensionati. Tutti devono contribuire, ivi comprese anche le aziende che hanno accordi di favore con fornitori diversi dall’Azienda dei Servizi, il cui disavanzo ha origini diverse e non può essere appianato con l’aumento applicato alle sole famiglie”.

"Se da un lato è vero che le tariffe delle utenze sono ferme da molti anni,  ma non certo per colpa degli utenti,  è anche vero che sorgono spontanee alcune domande. Come mai l’AASS, dopo aver conseguito per molti anni bilanci positivi grazie all’intermediazione energetica, non ha messo a riserve questi proventi in maniera di calmierare i possibili futuri aumenti? Perché non sono stati effettuati da AASS acquisti differiti di energia in momenti in cui i prezzi sui mercati erano più bassi? Sono molte le domande in attesa senza replica, ma per la Confederazione Democratica le risposte devono arrivare dal Governo". 

Invitiamo l’Authority, conclude Montanari,  ad informarci sugli ulteriori approfondimenti che sta effettuando e ad attendere l’indispensabile confronto tra parti sociali, le Assoconsumatori ed il Governo per affrontare il tema dei super rincari delle utenze in maniera equilibrata e concertata. A tal fine la CDLS si attiverà per coordinarsi con le altre organizzazioni sindacali e chiedere all’Esecutivo un incontro specifico su questo tema.

 

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

Frontalieri2

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin