CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

AASLP SITO San Marino 14 luglio 2022. Sul Pianello per il rinnovo del contratto scaduto da 12 anni. In occasione della seduta del Consiglio Grande e Generale di ieri pomeriggio, i salariati dell’Azienda per i Lavori Pubblici (AASLP) sono saliti in Piazza della Libertà per chiedere al Governo il rispetto degli impegni messi nero su bianco nella delibera dell’11 aprile scorso. Delibera che impegnava il Segretario di Stato al Territorio con delega all’AASLP, Stefano Canti, di definire una proposta normativa ed economica entro il 30 giugno di quest’anno.

I lavoratori si sono radunati sotto le finestre di Palazzo Pubblico e successivamente una delegazione composta da sindacalisti delle tre Federazioni Costruzioni Servizi di CSdL, CDLS e USL e dai salariati AASLP hanno seguito i lavori del Consiglio e sono stati ricevuti in due incontri separati dai capogruppo di maggioranza e di opposizione.

I segretari di FUCS-CSdL, Stephane Colombari, FCS-CDLS., Nicola Canti, e il funzionario dell’USL Fabrizio Belloni, hanno espresso forte disappunto per una trattativa che doveva chiudersi il mese scorso e invece è ancora aperta e rischia di rimanere in stallo per molto tempo perché il Governo intende formalizzare la proposta economica per i salariati dell'Azienda Lavori Pubblici allo stesso tavolo del rinnovo dei contratti della Pubblica Amministrazione. “Proposta inaccettabile e irrispettosa - sottolineano Colombari, Canti e Belloni – perché le due tipologie di contratti sono molto diverse sia sulla parte normativa che su quella economica. Invitiamo quindi il Congresso di Stato ha non intraprendere questa strada e rispettare gli impegni presi con la vecchia delibera dello scorso aprile”.

Lo stato di agitazione dei 130 salariati AASLP dunque continua, rimarcano CSdL, CDLS e USL, perché “dopo 12 anni di contratto scaduto e dopo una trattativa di 12 mesi che finora non ha dato risposte concrete ai salariati, è assolutamente indispensabile trovare una soluzione celere e adeguata alle legittime richieste economiche dei lavoratori di questo settore. La strategia del Governo di spostare la trattativa sul tavolo della Pubblica Amministrazione appare come un palese ed inaccettabile tentativo dilatorio e dimostra la poca considerazione dell’Esecutivo nei confronti dei lavoratori dell’AASLP”.

Le Federazioni Costruzioni e Servizi – CSdL – CDLS – USL

 

 

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

Frontalieri2

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin