CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

bandalargaAllarme dell'Ocse sulla crescita: secondo le nuove stime, la crescita mondiale dovrebbe rallentare al 2,9% nel 2019 (-0,3 punti sulle precedenti stime di maggio) e al 3% nel 2020 (-0,4 punti), i livelli più bassi dai tempi della crisi finanziaria. Per l'Italia si prevede una crescita pari zero nel 2019 (invariato rispetto a maggio) e dello 0,4% nel 2020 (-0,2 punti sull'Outlook precedente). Dati rivisti al ribasso anche per la zona euro, con una crescita all'1% nel 2019 (-0,1 punti rispetto a maggio) e 1,1% nel 2020 (-0,4 punti rispetto a maggio).

Le prospettive economiche mondiali continuano ad oscurarsi": questo il messaggio lanciato dalla capoeconomista dell'Ocse, Laurence Boone, nel corso della conferenza stampa di presentazione a Parigi dell'Interim Economic Outlook che lancia un forte avvertimento sulla crescita debole all'orizzonte. Per l'Ocse, "le tensioni commerciali e politiche alimentano i rischi di una crescita debole duratura". "I poteri pubblici - prosegue l'organismo - possono contrastare la forte crescita dei costi legati all'incertezza e investire maggiormente".

"Deve far riflettere il dato Ocse di questa mattina", avverte il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. "C'è una crescita mondiale che arretra, occorre una operazione di realismo nel Paese. E da questo ripartire, reagire e darsi grandi obiettivi e priorità", dice a margine del forum per i 15 anni di Fondimpresa.

ansa

facebook_page_plugin