CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

terremotoScossa di terremoto poco prima delle 14, erano esattamente le 13,48, oggi in provincia di Rimini, avvertita in tutta la Romagna e anche nelle Marche, nel Pesarese e nell’Anconetano, soprattutto nella zona di Senigallia. La magnitudo, secondo l’Ingv, è di 4.2.

L’epicentro è nella zona di Santarcangelo di Romagna. La scossa, che è stata registrata dall’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia ad una profondità di 43 chilometri, è stata avvertita chiaramente dalla popolazione: paura e gente in strada in diversi centri urbani, presi d’assalto i centralini dei vigili del fuoco. Dalle verifiche effettuate dalla Protezione Civile, non si registrano feriti né danni.

Il terremoto è stata sentito in maniera distinta nelle Marche, soprattutto tra Pesaro, Urbino e Fano – aree più vicine alla Romagna – ma anche a Senigallia e nell’Anconetano oltre che ad Arezzo, nell’Alto Casentino e nella zona dell’Alta Valtiberina: diverse le chiamate ai Vigili del Fuoco ma nessun allarmismo e nessuna segnalazione di danni. Così come nel Riminese nonostante il timore generato dal boato causato dall’andamento sussultorio della scossa. Allarme anche a Padova e Arezzo.

La scossa è stata avvertita distintamente anche a San Marino e sono immediatamente partiti i sopralluoghi nelle scuole, nei teatri e negli edifici più vecchi. Per fortuna non è stato registrato nessun danno.

Tribunapoliticaweb

facebook_page_plugin