CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

gdf titanoI finanzieri del Comando Provinciale di Rimini hanno portato a termine ieri (martedì) un’operazione di polizia economico-finanziaria, dando l’avvio all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo “per equivalente” di beni patrimoniali, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Rimini, Benedetta Vitolo. L’importo è di circa 2 milioni di euro.

Si tratta dell’atto conclusivo delle indagini per riciclaggio, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e coordinate dalla locale Procura. Nel mirino tre soggetti, originari della Campania, accusati di avere utilizzato una ditta individuale della provincia di Caserta – intestata ad uno di loro – con attività dichiarata di “commercio all’ingrosso di minerali metalliferi e metalli ferrosi” (ma che di fatto non ha mai avuto un’organizzazione aziendale e non ha mai operato nel settore dello smaltimento dei rifiuti).

La ditta emetteva fatture false e riceveva corrispondenti bonifici su un conto corrente acceso in una banca di Bellaria Igea Marina. L’importo complessivo era di oltre 2,3 milioni. I bonifici arrivavano da ben 5 diverse società del settore, tre con sede in provincia di Forlì, una in provincia di Ferrara e una in provincia di Treviso. I rappresentanti legali di queste società erano gravati da precedenti specifici per utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Le indagini hanno appurato che il conto corrente acceso nel riminese, ma intestato alla ditta casertana, dopo l’arrivo dei bonifici, veniva prontamente svuotato, attraverso l’emissione di assegni circolari intestati a soggetti inesistenti e versati poi su conti riconducibili agli indagati, oppure effettuando prelevamenti in contanti o accreditando somme presso istituti di credito all’estero.

Newsrimini

facebook_page_plugin