CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

autoveloxInizieranno dal prossimo primo novembre le installazioni dei 10 dissuasori di velocità per l’accertamento della velocità in modo temporaneo all’interno della rete viaria comunale. Un metodo di prevenzione e di repressione delle violazioni al Codice della Strada che consiste in una semplice colonnina – involucro, adatto al contenimento della strumentazione per la rilevazione della velocità.

Dentro a questi armadietti di colore arancione la Polizia Locale potrà installare, volta per volta, a secondo delle condizioni e delle necessità legate al traffico, una specifica apparecchiatura di telelaser in dotazione ai vigili, che permetterà di misurare le velocità dei veicoli, come se fosse un autovelox.

Le strade scelte sulle quali verranno montati sono:

– via CORIANO (S.P. 31) nella direzione di marcia mare/monte, nei pressi del civico n.217 e del centro abitato di San Martino Montellabbate.
– via CORIANO (S.P. 31) nella direzione di marcia monte/mare, nei pressi del civico n.143, zona Case Missiroli.
– via SAN SALVATORE nella direzione di marcia Ancona/Ravenna, all’altezza del civico n.47, zona Canile Municipale.
– via SAN SALVATORE nella direzione di marcia Ravenna/Ancona, all’altezza del civico n.18.
– via MARECCHIESE (S.P. 258/R) nella direzione di marcia mare/monte nei pressi dell’intersezione 
con la via Mavoncello, località Spadarolo.
– via MARECCHIESE (S.P. 258/R) nella direzione di marcia monte/mare, all’altezza del civico n.354, 
località Spadarolo.
– via U.BASSI nella direzione di marcia Ravenna/Ancona, nei pressi dell’ingresso parcheggio nuova 
Questura, sulla direttrice del “fila dritto”.
– via AMBROSOLI nella direzione di marcia Ravenna/Ancona in zona Fiabilandia, sulla direttrice del 
“fila dritto”.
– via MELUCCI nella direzione di marcia Ancona/Ravenna nel tratto adducente alla via Rimembranze, 
sulla direttrice del “fila dritto”.
– via EMILIA nella direzione di marcia monte/mare, nei pressi del civico n.80, in zona centro abitato (altezza SCM).

Si tratta di un metodo di rilevazione della velocità, utilizzato con la presenza di un agente di P.M. per la verifica sul posto delle funzionalità dell’apparecchio, con il quale – spiega l’Amministrazione Comunale – si intende garantire maggiore sicurezza su alcune strade cittadine dove è necessario ridurre la velocità dei veicoli per ridurre i rischi legati agli incidenti stradali.

Per tutte le postazioni individuate, il tratto di strada interessato presenta un limite della velocità a 50 km/h che sarà chiaramente segnalato, nel tratto adducente al dissuasore, con specifica segnaletica indicante “limite dei 50 km/h” se non già regolarmente segnalata come “centro abitato”. Oltre all’installazione della necessaria segnaletica verticale sono previsti in modo ben visibili, i cartelli indicanti il “controllo elettronico della velocità” come prevede la circolare del Ministero dell’Interno.

facebook_page_plugin