CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

soldiDopo la lunga intervista all'ex Direttore di Banca Centrale della Repubblica di San Marino, dr. Lorenzo Savorelli, pubblicata nei giorni scorsi, Federico Fubini su Il Corriere della Sera torna ad occuparsi del Titano sotto il titolo: "Capitali in nero La breccia di San Marino". E spiega: "La Repubblica del Titano nel cuore dell'euro ma senza i vincoli di controllo sulla finanza applicati da Italia o Germania, attira sempre più offerte da parte di discutibili investitori internazionali pronti a salvare le sue banche in dissesto". E fa un esempio: "L'ultimo deal è quello proposto dal saudita Ali Ismail Turki per la banca Cis. E prima di lui panamensi e nigeriani ...".

Questa la conclusione: "Il problema del governo del Titano è che non accetta aiuto dalle istituzioni internazionali o da operatori trasparenti di mercato. Così il problema diventa ogni giorno più grave. E San Marino rischia di diventare una breccia nel cuore dell'Italia per l'ingresso di capitali opachi ( o peggio) da tutto il mondo, ai quali qualcuno alla fine stenderà tappeti rossi in cambio di una ciambella finanziaria di salvataggio".

Insomma sembra che Fubini paventi uno scivolamento del Titano fra le "piazze offshore", anche se siamo ben lontani dalla caverna di Alì Babà di 'tremontiana' memoria.

LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

facebook_page_plugin