CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

bancaIl Fondo monetario internazionale, le Autorità di Vigilanza e altri stakeholder abbiano ribadito la necessità di una riorganizzazione generale del settore, verso modelli di maggiore efficienza in favore dei depositanti.

Per questo, Cassa di rispamio, Bac, Cis e Bsm, ricordano che occorre salvaguardare il valore patrimoniale delle banche, favorire la stabilità sul piano occupazionale; sugli equilibri economici, ottimizzando il rapporto tra costi, qualità e rendimento dei servizi erogati.

Queste banche, con contratti integrativi aziendali in essere, che si vanno a sommare a quello Collettivo Nazionale, hanno disdettato i contratti integrativi che risultavano gravosi per gli Istituti. "Un recesso degli integrativi rispetto al trattamento che continua a essere corrisposto in base al Contratto Collettivo Nazionale Bancario e che concorre, alla ridefinizione negoziale.


Gli Istituti invitano al senso di responsabilità dei dipendenti bancari, invitando anche il sindacato a riattivare il confronto per trovare in tempi celeri una soluzione condivisa. Soprattutto interrompendo e non programmando, nell’interesse sia del Paese che della clientela, ogni forma di mobilitazione.

San Marino RTV

facebook_page_plugin