CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

gendarmeriaMaxi frode fiscale da 23 mln di euro tra Fano e le repubbliche baltiche / Recuperate totalmente le imposte evase, 6 milioni in totale; una parte del denaro dissequestrato si trovava in una banca di San Marino

Una maxi frode fiscale per 23 milioni di euro è emersa da una indagine congiunta tra Agenzia delle Entrate di Pesaro e Urbino e Guardia di Finanza di Fano, con la collaborazione della Procura di Pesaro. L'organizzazione aveva centro logistico a Fano e coinvolgeva diverse altre regioni, ed era finalizzata all'evasione fiscale internazionale mediante la creazione di un complesso schema comprendente più società, alcune delle quali ubicate in Lettonia e Lituania e attive nella commercializzazione di articoli di abbigliamento griffati.


Dodici sono risutlate le società coinvolte - 5 estere e 7 italiane - attraverso le quali, con articolati schemi evasivi e fittizie triangolazioni commerciali, tra il 2008 e il 20015, sono state emesse fatture false per 55 milioni di euro, occultando al fisco imposte evase pari a 23 milioni di euro. (...)

Al recupero del denaro hanno collaborato anche le Autorità di San Marino, dove è stata trovata una polizza assicurativa del valore di 5,5 milioni di euro; gli altri 500mila euro sono satati invece dissequestrati da conti correnti su banche italiane. Nessuna società della Repubblica risulta però coinvolta nell'organizzazione.

libertas

facebook_page_plugin