CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

Erano i membri di San Marino in seno al Cda della società che gestiva lo scalo riminese / Fallimento Aeradria, anche due sammarinesi indagati / Accuse di "False comunicazioni sociali" e "bancarotta" Sono due i sammarinesi coinvolti nell’inchiesta della procura della Repubblica di Rimini relativa al fallimento di Aeradria. Si tratta dei componenti nominati dallo stato di San Marino in seno al Cda della società che gestiva lo scalo riminese: Corrado Carattoni e Giovanni Conti.

 

Entrambi devono rispondere di “false comunicazioni sociali in danno delle società, dei soci o dei creditori”, ma nel caso di Conti anche di “false comunicazioni sociali in danno delle società, dei soci o dei creditori” e “bancarotta fraudolenta aggravata”. I loro nomi compaiono nel decreto di sequestro per equivalente emesso dal Gip Fiorella Casadei su richiesta della Procura nell’ambito dell’indagine che conta in totale 34 indagati. (...)

 

Carattoni, attuale presidente dell'Aeroclub di San Marino, spiega alla Dire di aver avuto la notizia del suo coinvolgimento nell'indagine dai quotidiani: "Non ho avuto comunicazioni da parte dei magistrati e del tribunale", spiega. Chiarisce quindi il suo ruolo: "Non ho fatto altro che obbedire al mio Stato che mi ha mandato nel Cda in sua rappresentanza" e di essere stato per qualche anno membro del consiglio di amministrazione di Aeradria, fino al 2008, "sette anni fa", chiosa.

 

l'informazione

facebook_page_plugin