CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese

Incontro sul progetto di legge del Governo sulle acque reflue

San Marino, 3 Ottobre 2003

Si è svolto oggi un incontro tra il Sindacato e la Segreteria di Stato per il Territorio sul progetto di legge dell’Esecutivo che istituisce una tassa ambientale a carico di tutti i cittadini per lo smaltimento delle acque reflue. Progetto di legge che lunedì prossimo sarà preso in esame dall’apposita commissione consiliare.

La CSU ha ribadito l’inopportunità di questo provvedimento, perché cade in un contesto in cui il Governo non sta adottando provvedimenti di equità sociale. Anzi, oltre ai tagli allo stato sociale (sanità, scuola, ecc.), in campo fiscale ha adottato misure come il nuovo decreto sul forfetario, in cui si tendono a favorire le categorie che da sempre hanno contribuito assai poco alle risorse pubbliche.

È ancor più inopportuno, in quanto è inesistente da parte del Governo una politica di tutela delle retribuzioni e delle pensioni dall’inflazione, che è ben al di sopra di quanto attestano le statistiche ufficiali. Ciò, proprio nel momento in cui importanti di contratti di lavoro sono stati conclusi con senso di responsabilità.

In sostanza, la CSU ha ribadito che tale provvedimento è più corretto applicarlo alle aziende, in particolare a quelle inquinanti, e non alle utenze private. Infatti, nonostante alcune importante modifiche portate al testo legislativo e alla bozza di decreto applicativo, così come ai dati che sono stati forniti, si ha la netta sensazione che il Governo vuole far sì che siano proprio i privati cittadini a dover coprire maggiormente i costi dello smaltimento dei reflui.

Il costo di tale servizio, invece, è quasi completamente riferibile a aziende inquinanti. Perciò sarebbe auspicabile che questo provvedimento fosse applicato per almeno un anno a carico delle sole imprese. Il Governo, invece, propone l’applicazione di questa tariffa, con un abbattimento, anche per i privati cittadini, a partire dal 1° gennaio 2004.

Il Decreto applicativo presenta anche aspetti che andrebbero approfonditi, poiché sono adeguati alla riscossione di una tariffa, ma non ad un’imposta, come si intende istituire con il progetto di legge. Si tratta di un aspetto importante, perché potrebbe creare contenziosi, a danno degli utenti.

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

logoSmacpng

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin