CDLS Confederazione Democratica Lavoratori Sammarinese
Lettera del Segretario della CDLS al Consiglio Sindacale Interregionale

San Marino, 11 Giugno 2003

Esiste ancora una strategia comune per rilanciare la vertenza-frontalieri? Questo l’interrogativo di fondo della lettera che questa mattina il segretario della CDLS, Marco BECCARI (nella foto), ha spedito alle organizzazioni sindacali che compongono il Consiglio Sindacale Interregionale di San Marino, Romagna e Marche.

Dopo aver scritto a tutti i lavoratori frontalieri, la Confederazione Democratica ora chiama in causa il CSI per ribadire prima di tutto l’inopportunità dell’iniziativa della CGIL e della CSdL di convocare una serie di assemblee dedicate alle future dichiarazione dei redditi dei frontalieri e per sollecitare un chiarimento politico all’interno dell’organismo sindacale di confine.

Il segretario Beccari sottolinea il fatto che lo stesso presidente del CSI, Norberto CRINELLI, in una lettera datata 3 Giugno 2003 e inviata a tutti i componenti del CSI, ha voluto mettere nero su bianco le proprie perplessità nei confronti dell’iniziativa messa in atto da CGIL e CSdL, sollecitando tutti a non mettere in campo comportamenti che non compromettano anche la recente intesa raggiunta come CSI sui temi del frontalierato.

“Non va infatti dimenticato che questa intesa - scrive Marco Beccari a CSdL, CGIL, CISL e UIL - è frutto di un lungo e per nulla semplice lavoro di mediazione, che ha dovuto tener conto di diverse sensibilità sia sul fronte fiscale che su quello dei diritti. Le iniziative isolate poste in un momento sbagliato rischiano di neutralizzare tutto il lavoro portato avanti dal CSI, spalancando seri interrogativi sulla futura strategia dello stesso, cioè quella di far ripartire il confronto con il Governo italiano e con quello sammarinese”.

“Se dunque – è la conclusione della lettera firmata dal segretario della CDLS- non ci saranno formali e sostanziali cambiamenti di rotta da parte di CGIL e CSdL, la Confederazione Democratica potrà decidere di assumere autonomamente tutte le iniziative politico-sindacali che ritengono più opportune per meglio tutelare i lavoratori frontalieri”.
 

agenda176x90

cartarisparmio

csuservizi176x90

logoSmacpng

 

fondazione176x71

 

asdico176

cdsl176x90

 

 

facebook

 

facebook_page_plugin